Teggiano

Posted | 0 comments

Teggiano è considerato uno dei centri più importanti della provincia di Salerno dal punto di vista storico, urbanistico e artistico: singolarità che gli conferisce sia il titolo di “patrimonio mondiale dell’umanità” sia quello di “villaggio d’Europa”. Teggiano è adagiato sulla sommità di un colle a circa 630 m di altezza. Da qui domina l’intero Vallo di Diano, a cui ha dato il nome (Dianum era il nome altomedievale di Teggiano), anticamente bacino lacustre pleistocenico e oggi vasta pianura solcata dal fiume Tanagro.

Il castello é fra i maggiori dell’Italia meridionale: un affascinante costruzione di forma poligonale, con 365 ambienti.
Oltre il fortilizio, Teggiano ha altre ricchezze degne di attenzione: la cattedrale di Santa Maria Maggiore; le chiese di San’Antuono, San Martino, Sant’Andrea, San Pietro, San Michele Arcangelo, della Santissima Annunziata; i conventi della Santissima Pietà, di Sant’Agostino e di San Francesco; il ponte romano in contrada San Marco; il Seggio ( un monumentale portico che dal 1450 è stato sede del Consiglio Comunale). Si possono visitare inoltre i tre Musei di Teggiano: Il Museo delle Erbe, il Museo degli Usi e delle Tradizioni e il Museo diocesano nella quattrocentesca Chiesa di San Pietro. Teggiano è anche sede della diocesi Di Teggiano-Policastro.
Per quanti desiderino calarsi ancor di più nel passato medievale del luogo è d’obbligo partecipare alla “tavola della principessa Costanza”: una festa organizzata nel mese di agosto, con la quale vengono vissuti i fasti del 1840, quando Antonello di San Severino, principe di Salerno e signore di Teggiano, sposò Costanza, figlia di Federico da Montefeltro e granduca di Urbino.

Clicca per visualizzare il percorso su Google Maps